Il punto zero.

Sono tornato.

E non fraintendetemi, non pretendo di dirlo così a caso e evitarmi la vostra seguente scarica di pomodori, scarpe, accette, rifiuti (LA GAG) e quanto voi riteniate opportuno lanciarmi addosso per un’assenza così prolungata.

Il fatto è che…sono tornato solo ora perchè effettivamente solo ora potevo tornare.

Perchè invero, miei cari vecchi amici ormai con la barba sfatta di 2-3 mesi e la puzza di muschio tutt’intorno, per quanto siano successe tante, tante, troppe di quelle cose di cui avrei potuto raccontarvi per spiegarvi come sempre il meaning of life, la mia voglia di prendere ciò che mi succede e convertirlo all’universale per le vostre menti assetate mancava, era completamente assente.

Continua a leggere

Diario Dai Bordi #1 – San Valentino 2015 Pt. 2

(ALT. Questa è la seconda parte di un altro post.
Dubito che tu possa capirci qualcosa se non leggi prima qui.
Nel caso ci riuscissi comunque, dimmelo e provvederò a darti un biscottino.)

La metro di Napoli è una manna dal cielo.

Potete dire quello che volete su quanto facciano schifo i trasporti al Sud, ma la Linea 1 della metropolitana è veramente sempre puntuale e presente.

Oltre che in alcuni casi, come per la metro di Toledo, anche parecchio parecchio figa da guardare.

Ed è così che l’ora di attesa che mi è costata Via Napoli-Piazza Dante si trasforma nei più sopportabili 20 minuti di Piazza Dante-Vanvitelli.

Arrivo lì e mi concedo un momento di distrazione, un’ occhiata all’orologio. Sono le 2 e mezza.

Continua a leggere

Diario Dai Bordi #1 – San Valentino 2015 Pt. 1

Cosa è Diario Dai Bordi? Facciamola breve.

Diario Dai Bordi è una rubrica che ho in mente da secoli. E ho sempre rimandato perchè fondamentalmente sono stupido, o perchè i motivi sono intuibili negli altri post comunque.

Diario Dai Bordi per me è talmente importante che non mi va di farvi il solito riquadrino in corsivo a destra, ma ve lo spiego, qui, per esteso.

Diario Dai Bordi è osservazione. Diario Dai Bordi è quando ti fermi per strada e guardi la gente, e la fotografi per quel determinato secondo che la hai vista.

Continua a leggere