I capelli nero china e un taccuino tra le mani.


(Trattasi unicamente di un raccontino tratto (e romanzato) da un fatto vero, che ho scritto nell’ oretta successiva all’ accaduto.
Non è proprio un nuovo post (a cui sto lavorando) ma mi sembrava carino postarlo comunque!
…Ma se vi piace crederlo, potete prenderlo come il seguito ideale di questo post qui)

Ero in pizzeria. Non la mia solita, a dir la verità.

Un bar vicino casa, di sera adibito a pizzeria, aperto da poche settimane.

Sto aspettando il tizio che prende le ordinazioni, che si rivela tiziA, e dice di conoscermi.

Continua a leggere